+39 080 5227462    +39 080 2142163
segreteria.slr@didiritto.it

Accertamento con adesione

Dr. Fabio Mitolo

Accertamento con adesione

Tra gli istituti deflattivi del contenzioso tributario, l’accertamento con adesione è probabilmente uno dei più utilizzati nel rapporto contribuente-Ente impositore.

Il contribuente, di fatto, può sottoporre all’ufficio le proprie osservazioni prima ancora di ricorrere al Giudice tributario.

Introdotto nell’ordinamento giuridico dal D.Lgs 218/1997, l’accertamento con adesione è un procedimento attraverso il quale il contribuente, mediante osservazioni e/o giustificazioni, mette in discussione la pretesa tributaria, chiedendo, in buona sostanza, un riesame della propria posizione.

L’accertamento con adesione, se attivato dal contribuente a seguito di verifiche e/o ispezioni, deve essere proposto entro il termine per la proposizione del ricorso.

L’istanza dovrà essere presentata all’ufficio competente.
Nella medesima, andranno indicati :

  1. i dati identificativi del contribuente; 
  2. le indicazioni dell’ufficio competente a ricevere l’istanza;
  3. i recapiti telefonici, mail, pec (ecc.);
  4. i dati identificativi dell’atto;
  5. le specificazioni dell’imposta/e, periodo di imposta; 
  6. le ragioni alla base dell’istanza;
  7. la richiesta di invito a comparire ai fini dell’instaurazione del contraddittorio, affinché si pervenga alla redazione dell’atto di adesione. 

La presentazione dell’istanza di accertamento con adesione sospende i termini per la proposizione del ricorso per 90 giorni.

Raggiunto l’eventuale accordo con l’Ente impositore, l’accertamento con adesione si perfeziona solo dopo il pagamento dell’importo concordato entro i venti giorni successivi.


Leave a Reply