+39 080 5227462    +39 080 2142163
segreteria.slr@didiritto.it

Asset allocation

Dr. Luca Loiacono

Asset allocation

Preambolo

Sul “questionario dell’investitore, la scheda anamnestica contenente tutte le domande che aiutano a comprendere il livello di conoscenza e consapevolezza del consumatore.

La questione

Dunque, allocare correttamente il denaro, attraverso un metodo ed un processo definito “asset allocation”, da intendersi quale allocazione del danaro a fini di investimento.

Il procedimento

Innanzi tutto, è necessario mantenere intatta la c.d. “liquidità a breve”, strumentale per sostenere e per fronteggiare le spese correnti per le necessità personali e familiari. L’asset allocation consiste nel distribuire tutta la liquidità “non a breve” in una serie di prodotti e servizi di investimento considerati congrui, coerenti e corretti rispetto alle risultanze dell’anamnesi. Ne risulta, pertanto, un “portafoglio” diversificato e personalizzato per ciascun consumatore. Presupposto fondamentale è proprio quello della diversificazione: acquistare e sottoscrivere il maggior numero di titoli, distinti per emittente, area geografica, valuta di emissione, settore merceologico, etc. Ad un crescente livello di diversificazione corrisponde una sostanziale riduzione dei “rischi di default”. Indipendentemente dalle somme a disposizione, si tratta quindi di centinaia, se non addirittura migliaia di titoli, riassunti in poche “righe” di estratto conto titoli, puntando a strutture di semplice comprensione. La maggior parte dei consumatori risulta affetta da “sindrome di avversione alle perdite”, quindi opta per un’allocazione cauta e prudente, volta a minimizzare la volatilità (oscillazione dei prezzi di mercato dovuta alle contrattazioni giornaliere) e ad ottenere un rendimento comunque superiore a quello della “gestione della liquidità”.

Considerazioni

Utile può essere la “filosofia cedolare”, volta ad ottenere flussi di interessi periodici (mensili, trimestrali, annuali), che aiuta a “toccare con mano” i rendimenti effettivi e a dar contezza del “perché” e del “come” il denaro è stato investito.


Lascia un commento