+39 080 5227462    +39 080 2142163
segreteria.slr@didiritto.it

Investire in Brasile (parte 2)

Adv. Cristiano Molica
brasile

Investire in Brasile (parte 2)

Trattamento legale degli investimenti di origine estera in Brasile

Il sistema legale brasiliano non fa distinzioni in merito all’origine degli investimenti (esteri o nazionali) nè fa distinzioni fra investitori brasiliani o stranieri.

La discussione concernente le restrizioni di natura economica e legale tra investitori brasiliani e stranieri era sostenuta dall’articolo 171 della Costituzione brasiliana, il quale poneva una distinzione tra le società brasiliane e le società straniere con capitale brasiliano basata sui concetti di controllo della società e della maggioranza di capitale votante.

Con l’abrogazione di questo articolo mediante l’emendamento costituzionale brasiliano n. 6/1995, è stato rimosso dal sistema legale il concetto di società straniere con capitale brasiliano.
Quindi, è rimasto nell’ordinamento solo il concetto di società brasiliana, ovvero una società organizzata in conformità con la legge brasiliana e che ha sede nel Paese (articolo 60 del decreto-legge n. 2.627/1940).*

L’attuale sistema legale garantisce per le società brasiliane ed estere l’esercizio della libera iniziativa e della libera concorrenza, secondo i dettami della giustizia sociale.
Quindi, dal momento in cui l’investitore di un paese straniero ha i requisiti per registrare una società e operare in Brasile, è ritenuto idoneo a investire nel mercato economico brasiliano allo stesso modo che l’investitore locale.
Per ottenere tali requisiti, è consigliato l’ausilio di esperti in queste transazioni commerciali a ulteriore tutela del capitale investito con la certezza che, se fatte correttamente, le plusvalenze possono essere particolarmente cospicue.

* fonte: http://www.investexportbrasil.gov.br

Articoli collegati:
Investire in Brasile (parte 1): Le ragioni per investire in Brasile


Lascia un commento